top of page
  • Immagine del redattoreHOLOS

Pasqua 2024

Diario di un viaggio che racconta di noi...

Il punto d'incontro che prima non c'era



Castelsaraceno, paesino incastonato tra l’appennino Lucano e il Parco del Pollino: 

qui troviamo il ponte tibetano più lungo al mondo. 


E cosa ci fa questo ponte nel bel mezzo del nulla?  

Un ponte aiuta ad attraversare, un ponte mette in connessione due sponde, un ponte aiuta a compiere un passaggio solitamente complicato, difficile o molto lungo; aiuta a superare gli ostacoli, collega luoghi separati, rende il mondo più accessibile a tutti: un ponte aiuta ad accorciare strade. 


E cosa rappresenta un ponte?  

Rappresenta un flusso di abitudini, idee e concetti: la fusione di due soggetti fino ad allora sconosciuti; rappresenta un passaggio che dobbiamo compiere o una sfida che dobbiamo affrontare. 

Spesso nella vita abbiamo bisogno di un ponte che ci consenta di passare da una sponda all'altra, che ci metta in connessione tra il qui e l'oltre.  


Come si costruisce un ponte? 

Partendo da una parte e dall’altra, arrivando fino al punto d’incontro: un incontro che deve combaciare; un incontro calcolato, studiato e desiderato, affinché perfettamente accada. 


Siamo certi che un ponte unisce, consolida e costruisce un rapporto e una relazione, aprendoci ad un nuovo inizio, qualunque esso sia. 

La Pasqua, per un cristiano è questo punto di incontro, dove la vita incontra la morte e rilancia ad una nuova vita. 


Auguriamo a ciascuno di voi di poter costruire ponti nella vita, di poterli attraversare con fiducia, coraggio e con il cuore aperto alla rinascita e alla speranza. Che avvenga “quell’incontro”, fino a quel momento impossibile, e apparentemente molto lontano perché perfettamente accada.  


Auguri di buona Pasqua!






I Redazionari di HOLOS

115 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page